“Il 29 Luglio”

Il ventinove Luglio

Quando il grano si matura

È nata una bambina

Con due roselle in mano

 No è una paesana

E nemmeno cittadina

È nata in un boschetto

Vicino alla marina

 Le ragazzette belle 

L’amor non la san fare

Noi altri giovanotti

Ce la faremo fare

 Ce la faremo fare

E ce la faremo dire

Stasera dopo cena

Prima d’andar a dormire

 Vicino alla marina

Dove meglio si può stare

Si vedono i bastimenti

A galleggiar sul mare

 A galleggiar sul mare

Ci voglion le barchette

A far l’amor di sera

Ci vuol le ragazzette

I CANTI DELLA FESTA

 

“Stornelli a saltarello”

E tutto l’anno a lavorà la vigna

Quand’è fatta l’uva chi magna magna

E' notte è notte e lo padron sospira

Dice che è stata corta la giornata

Quanto me fai sudàne ‘sta mezza lira

E' notte è notte e lo sole è calato 

Chi n’à fatto l’amore s’è perduto

E' chi l’ha fatto se l’ha ritrovato

O pecoraro lascia sta mi nonna

Se no te metto foco a la capanna

Te faccio gridà Cristo e la Madonna

E chella vecchiarella de Sant’Anna

Se ‘l papa me donasse tutta Roma

E me deicesse lascia ’sta chi t’ama

Io ce risponderei Sacra Corona

Tu tette Roma io tengo chi m’ama

Lascio la buonasera a tutti a tutti

E puro a li canali de li tetti

Se v’ho cantato male chiedo scusa

Passetto pe passetto vado a casa

Lascio la buonasera e vado via

Ve lascio co la pace de Maria

LA STRADA DEI CANTI